Consulenza

Consulenza psicologica

La consulenza psicologica si richiede quando si sente la necessità di un supporto professionale per definire, comprendere e affrontare una difficoltà specifica o un disagio, dell’individuo, della coppia, della famiglia, del gruppo.

L’utente che chiede una consulenza vuole comprendere cosa sta succedendo dal punto di vista psicologico in uno o più ambiti della propria vita. Il supporto richiesto è principalmente di tipo cognitivo e attiene alla necessità di capire, comprendere, mettere a fuoco una certa condizione o problematicità.

Chi chiede una consulenza psicologica si trova in una condizione di difficoltà e disorientamento nel prendere decisioni o affrontare difficoltà compiti e ruoli.

Diverse sono le circostanze in cui mi viene richiesta una consulenza. Può capitare che a rivolgersi a me sia un genitore in crisi con il figlio adolescente, che cerca strumenti per relazionarsi più efficacemente con lui; una persona vittima di mobbing sul lavoro, desiderosa di capire come affrontare la situazione; una coppia interessata a individuare i motivi per cui spesso litiga; un insegnante che vuole capire cosa non va nel suo modo di gestire la classe; uno sportivo che ha visto ridursi la propria performance e che per paura di perdere un match non riesce a esprimere il proprio potenziale fino in fondo; un manager che cerca di acquisire strumenti più efficaci per la gestione dei conflitti all’interno del proprio team.

Differenze tra consulenza e sostegno psicologico

Pur essendo molto simile al sostegno psicologico, la consulenza se ne discosta per la domanda che viene posta dall’utente.

Come si è visto sopra, l’attività di consulenza psicologica è finalizzata a comprendere una situazione e a mettere a punto strategie per affrontarla. Il soggetto è disorientato, ma si sente in grado di fronteggiare la situazione, una volta individuata la strategia adeguata.

Nel sostegno psicologico, lo psicologo è chiamato, invece, a svolgere prima di tutto una funzione di supporto affettivo (ma non solo questo), a causa di una condizione particolarmente stressante, che ha compromesso le capacità di decisione, azione e autodeterminazione del soggetto. La persona che necessita di un sostegno psicologico sta attraversando una fase di vita difficile, è piegata su sé stessa, incapace di affrontare un evento o un cambiamento che l’ha fatta crollare.

In questi casi, la sofferenza è talmente intensa da ostacolare la possibilità della persona di guidare il cambiamento in modo autonomo. Ha bisogno di aiuto perché è troppo disorientata, spaventata, triste, arrabbiata per potercela fare da sola.

Obiettivi della consulenza psicologica

La consulenza è finalizzata alla definizione di problemi specifici, all’individuazione di soluzioni adeguate, alla presa di decisioni, per affrontare momenti di crisi, comprendere sentimenti, dubbi e conflitti in gioco. L’attività principale è quella di chiarificazione, spiegazione e decodificazione delle problematiche relazionali nei vari contesti, e acquisizione di competenze e strumenti per la loro gestione.

Con questo non intendo dire che lo psicologo suggerisce soluzioni o azioni per affrontare le difficoltà. L’attività è sempre incentrata sull’abilitazione del soggetto. L’obiettivo non è quello di sostituirsi a lui, ma di rimuovere gli ostacoli affinché egli possa autodeterminarsi, agire in autonomia le proprie decisioni, intraprendere iniziative in accordo con i propri valori, inclinazioni e idiosincrasie.

Lo psicologo non influenza il soggetto, non interferisce con lui. Egli non lavora perché vada in una certa direzione, ma si impegna in modo rispettoso ed etico affinché sia semplicemente se stesso.

Ambiti

Gli ambiti in cui è possibile attuare un percorso di consulenza sono molteplici. Esso può essere orientato all’individuo, alla coppia, al gruppo (per esempio una squadra, un team, un gruppo di lavoro), o alle organizzazioni (consulenza d’azienda, istituzionale, ecc..).

Articoli consigliati

Quando viviamo una condizione di disagio che deriva dal lavoro, da una relazione, da una…
Cos’è la co-dipendenza?   Una persona co-dipendente si sente talmente coinvolta con qualcuno, in debito…
La depressione è bugiarda! Ci dice che siamo inutili, che a nessuno importa di noi…
Quando parliamo di personalità in ambito clinico ci riferiamo a qualcosa che non è molto…